I medici catanesi tra i primi a credere 25 anni fa nelle potenzialità della Fondazione

E-mail Stampa PDF
Professor Ercole CirinoHo creduto subito nella Foncanesa ed in quello che avrebbe potuto rappresentare non solo per la classe medica . Lo capii leggendo negli occhi di una madre che vedeva ancora la propria figlia spegnersi ma lasciarle un compito importante: impegnarsi perché i viaggi della speranza come il suo non si ripetessero più.

E Rosalba Massimino dando vita alla Foncanesa questo imperativo, ancora oggi a distanza di un quarto di secolo, ce lo ha ancora ben chiaro e spende tutte le sue energie per sollecitare le istituzioni e chiedere la solidarietà della gente comune con un solo obiettivo: mantenere e migliorare quanto ha realizzato finora. Che non è poco. Case d’accoglienza per i familiari e gli stessi pazienti trattati in day hospital che arrivano da altre
province, e nessuno sa come noi medici quanto importante sia sentirsi “a casa” dopo una chemioterapia.

Sostegno alla ricerca affidando i fondi raccolti ad istituzioni universitarie per borse di studio e premi di laurea per studiare ancora più a fondo l’oncoematologia. Sul nostro bollettino mensile ordini stico “Catania medica” ospitiamo spesso e volentieri articoli che parlano della FONCANESA perché sappiamo bene che i medici di Catania città ma anche della provincia conoscono la Fondazione e vogliono essere aggiornati sulle varie iniziative tra le quali, a parte quelle benefiche, voglio ricordare anche i corsi di Educazione continua in medicina (ECM) che abbiamo organizzato insieme volti non solo a migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria (dai medici agli infermieri ) ma anche a cercare di qualificare i cosiddetti “caregivers” cioè coloro che
pur non avendo un ruolo professionale sanitario, come i familiari del paziente oncologico, è necessario che abbiano conoscenza di alcuni principi ed elementi che non possono che dare giovamento alla qualità di vita del malato. Ecco perché in questa ricorrenza del venticinquennale dalla fondazione della FONCANESA mi sento di rappresentare il sentimento unanime di gratitudine di tutti i medici etnei (oltre novemila) verso tutti coloro che oggi festeggiano questa importante tappa. Perché solo di una tappa si tratta.

Sono certo infatti che il percorso di questa Fondazione è solo iniziato e numerosi altri traguardi sia sul piano scientifico che su quello dell’assistenza saranno raggiunti con l’augurio sincero che quelli che dal 1998 l’Ordine ha l’onore di premiare nella superba cornice del teatro Massimo Bellini di Catania con il “Premio Santella Massimino” per la migliore tesi di laurea in oncoematologia siano i ricercatori che domani potranno contribuire alla sconfitta definitiva del cancro e di tutte le neoplasie che hanno ancora bisogno di una corretta
definizione.

Ercole Cirino
Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Catania
You are here: